Notti in bianco, baci a colazione

Schermata 2016-09-07 a 12.54.47

Matteo Bussola Einaudi Editore – Euro 17,00

Se vi va una lettura scorrevole, originale e divertente, consigliamo di passare qualche “notte in bianco” con Matteo Bussola; e se voleste un racconto di vita di tutti i giorni, con la sua straordinaria normalità in famiglia, anche i suoi “baci a colazione” fanno per voi. Quarantacinque anni, veronese, prima architetto poi fumettista e triplo papà a tempo pieno; questa è l’opera prima dell’autore, se si parla di letteratura: ci auguriamo vivamente ne seguirono altre. Le sue pagine sorprendono, fanno sorridere per la tenerezza, riflettere per la sensibilità e rivelano piccole e grandi verità; come l’amore filiale e di coppia, la gentilezza tra esseri umani, il valore del tempo, del sacrificio e dell’ascolto reciproco. Il volume è così articolato: 4 parti intitolate come le stagioni, partendo dall’inverno e concludendo con l’autunno. In ognuna vari capitoli di diversa lunghezza: alcuni brevi ma davvero esilaranti; in altri, i dialoghi di un padre con le figlie, che regalano perle di saggezza e profondità; in altri ancora le personali confessioni di un artista e compagno, che ogni tanto si ferma per ri-scoprirsi… episodi di vita vissuta in cui le parole sono dosate con maestria, vanno subito a segno, colpiscono per l’arguzia, la trasparenza e la semplicità. Matteo Bussola pubblicava post sulla sua pagina Facebook e l’essere molto seguito con successo ha portato a questo libro dalla scrittura vera, pura e poetica, che coinvolge ad ogni pagina: ci si può ritrovare ognuno di noi. Perché a volte tutto appare in bilico a causa delle difficoltà quotidiane: economiche, lavorative, di organizzazione familiare… per non parlare degli imprevisti! Ma tutto ha la capacità di dissolversi come in una bolla di sapone se siamo capaci di guardare oltre con speranza, di allargare gli orizzonti prendendo un respiro e godere delle piccole splendide gioie di ogni attimo e della natura, camminando insieme ai nostri “compagni di viaggio”.
Sara Ulivucci