Mio fratello rincorre i dinosauri

Schermata 2016-09-23 a 09.55.03

Giacomo Mazzariol Einaudi Editore – Euro 16,50

In occasione della giornata mondiale della Sindrome di Down 2015, un video amatoriale girato da alcuni creativi amici (The Simple Interview) viene pubblicato su YouTube e conquista la rete con la forza delle “storie semplici”. A distanza di un anno, uno dei protagonisti scrive la storia sua e del fratello Giovanni, che ha un cromosoma in più… e di sicuro non solo quello! “Mio fratello rincorre i dinosauri” narra, con un tocco delicatissimo e carico di tenerezza, una vicenda familiare che diventa un vero racconto di formazione: Giacomo Mazzariol, nato nel 1997, in quest’opera mette tutta la forza e la maturità che possiede, ci butta dentro tutto il suo affetto, tutti i suoi limiti, tutta la sua umanità. Seppur non sia stato affatto semplice arrivare fino al momento presente, condivide col lettore confessioni profonde e a volte anche dolorose, come in un diario; ci mostra di aver imparato che ci sono cose che non abbiamo il potere di governare, che bisogna prendere come vengono, talmente sono più grandi di noi, complesse e misteriose. L’unica strada che si può sempre scegliere è amare, amare senza condizioni: solo così possiamo sentirci degni di Vivere la Vita “a testa alta”. Da alcune pagine toccanti: “…l’idea del video è nata alla fine di un percorso: il mio. Per circa dodici anni ho faticato a vedere mio fratello per quello che è, perché ero troppo impegnato a vedere quello che non è. Così un giorno mi sono chiesto: perché non regalare il mio sguardo anche ad altre persone?…Mi aspettavo qualcosa da mio fratello prima ancora di conoscerlo; ho guardato Gio con i miei occhi e pensavo che il suo essere – come mi avevano detto – “speciale”, significasse fosse un supereroe con superpoteri; alla fine però ho capito e, “semplicemente”, ho cambiato la mia prospettiva”. Questo diciannovenne genuino e “vero” non ha avuto bisogno di inventare nulla e ci regala un romanzo che stupisce, commuove, diverte e fa riflettere.
sara ulivucci